Vacanze nelle Marche, cosa fare e cosa vedere

Numana panorama

Tra le mete più gettonate per trascorrere le vacanze estive e non solo spiccano le Marche, tra le destinazioni da non perdere. I giornali americani le hanno definite la nuova Florida e tante altre sono le attribuzioni che le sono state date.
Tutta questa meritata ribalta, è dovuta ad una attenta campagna pubblicitaria affidata ad un noto volto di Hollywood, ma soprattutto alle infinite risorse che tiene in serbo per chi ha voglia di scoprirla.

Le vacanze nelle Marche non sono mai scontate, anzi quasi “infinite”, termine che meglio si addice alle Marche e già Leopardi, dal suo “ermo Colle” già ci aveva visto bene.

Per chi sono adatte le vacanze nella bella regione delle Marche?

Mettono tutti d’accordo, giovani e meno, sportivi e non, italiani e stranieri. Anzi,sono proprio quest’ultimi che ne hanno scoperto il fascino e ne fanno una pubblicità grandiosa, che vale quasi più di ogni strategia di marketing. Dal Nord Europa, all’America, alla Russia e via dicendo, è un continuo andirivieni di visitatori che rimangono letteralmente a bocca aperta.

Le Marche 365 giorni l’anno

Di certo non vi annoierete, le cose da fare, vedere e scoprire sono molte e ritornerete in questi luoghi spesso e molto volentieri. Ecco un piccolo vademecum con idee e suggerimenti.

Il Mare delle Marche

Oltre 100 km di coste sabbiose e di fini ciottoli caratterizzano questa regione. Ci sono stabilimenti balneari attrezzati ma anche spiagge libere.
La sera poi queste cittadine di mare si vivacizzano e propongono iniziative varie che coinvolgono tutti coloro che hanno voglia di divertirsi.
Tra le località che spiccano troviamo la zona del Monte Conero, Senigallia e le sue spiagge di velluto, Civitanova Marche, Porto Sant’Elpidio, Porto San Giorgio, Grottammare e altre fantastiche località.

Marche tra Montagna e Natura

I Monti Sibillini, le alpi della Luna, i Monti di Carpegna, il Nerone, Catria…sono solo alcuni dei nomi più noti. Monti verdeggianti che superano anche i 2000 metri da dove si scopre il Mare Adriatico, perfetti sia in estate per il trekking che per lo sci invernale. Non preoccupatevi se non conoscete i luoghi, troverete guide sia per l’estate che l’inverno.
Tra i luoghi naturali più suggestivi consigliamo la visita alle Grotte di Frasassi a Genga ,dove una temperatura interna costante vi regalerà una vista unica su magiche sale adornate ad opera del tempo e dell’acqua.
Piccoli e ameni borghi vi cattureranno, così come la vista delle armoniose colline che caratterizzano il paesaggio marchigiano.

Marche: Arte, Cultura e Fede

Un sistema museale articolato e ricchi cartelloni artistici sono tra le attrazioni che attirano numerosi turisti. Dal Rossini Festival a Macerata Opera, passando per Musicultura, la melodia la fa da padrona. Civitanova Danza è la rassegna di riferimento che offre un cartellone di rilievo per valorizzare questa arte.

Quali musei visitare? Ci sono musei storici e naturalistici, ma anche curiosi come quello dedicato alle etichette del vino a Cupramontana, o dei martelli a Sarnano, o rari come quello della fisarmonica a Castelfidardo e retrò come quello della carrozza a Macerata.

Per chi è alla ricerca di luoghi di fede da non perdere è il Santuario della Santa Casa di Loreto, dove è custodita la casa di Maria, trasportata qui in volo dagli Angeli ( o dai Crociati per una versione meno mistica). Merita una visita il santuario di san Nicola, dove è possibile ammirare affreschi di scuola Giottesca, o ancora il Santuario di Macereto.

Vacanze Gastronomiche nelle Marche

Che siano piccole trattorie o ristoranti stellati poco importa, la cucina è davvero un piacere per il palato.
La cucina si basa su molti prodotti tipici locali e vi consigliamo di non perdere lo spalmabile ciauscolo, un salume ottenuto da carne suina e spezie.
Il piatto tipico marchigiano? Lo “stoccafisso all’anconitana”, seguito dai vincisgrassi, dal coniglio in porchetta, i quadrucci pilusi, le olive all’ascolana, i cappelletti marchigiani e tante altre bontà.
E per annaffiare il tutto ottimi vini rossi, come il Rosso Conero e il Rosso Piceno, senza tralasciare la Lacrima, mentre per gli amanti del bianco Passerina e Pecorino, per concludere con un uno dei vini bianchi noto il tutto il mondo: sua maestà il Verdicchio. Che sia Verdicchio di Jesi o Matelica poco importa, la qualità non cambia.
Per chiudere il pasto si consigliano le ciambelline da inzuppare a scelta nel vino cotto di Loro Piceno o nella Vernaccia di Serrapetrona.
Queste sono anche le terre del tartufo, infatti noto è quello di Acqualagna, nel pesarese.

Descrivere in poche righe i motivi per cui vale la pena di vivere una vacanza nelle Marche non è facile, ma è un buon inizio.
Venite a scoprili di persona e vi sorprenderà piacevolmente.

Di seguito due periodi particolari su cui vogliamo porre attenzione

Cosa Fare a Ferragosto nelle Marche

Spiaggia delle Due Sorelle

Finalmente l’estate, quella vera, è arrivata, e trova nel ferragosto il suo apice. Come organizzarsi per viverlo fino in fondo?
Le Marche sono sempre un po’ speciali e ogni stagione dell’anno ha il suo fascino.

Di seguito riportiamo dei suggerimenti per ferragosto nelle Marche dal mare ai monti, una sorta di guida per chi non conosce questa regione e vuole scoprirla.
Ferragosto al mare è un classico,e da questo punto di vista le Marche sono messe molto bene.

I chilometri di costa sono più di 100, e da Nord a Sud è un susseguirsi di spiagge sia libere che attrezzate.
Iniziando da Gabicce mare fino a San Benedetto del Tronto si possono trovare sia spiagge di ciottoli che di sabbia fine.
Come già detto in precedenza le località di mare più conosciute della regione sono Senigallia, la riviera del Conero, Civitanova Marche, Porto San Giorgio, Grottammare, San Benedetto del Tronto, ma credeteci che ci sono anche altri posti pittoreschi.
Il confine tra una località di mare e l’altra è talmente labile che sembra tutto un continuum.
Nella foto viene proposta la spiaggia delle Due Sorelle sul Monte Conero, che è molto bella, ma per raggiungerla a piedi bisogna stare molto attenti dato che il sentiero è quanto mai scosceso (è possibile comunque raggiungerla comodamente via mare con un servizio navetta).

Se vi sentite meno acquatici e preferite l’aria salubre dei monti non avete che l’imbarazzo della scelta.
Dai monti del pesarese fino a quelli dell’ascolano ci sono vette e passeggiate per tutti.
Non mancano neanche le palestre di roccia così come un bike park, che si trova sui Monti Sibillini e precisamente a Frontignano di Ussita.

Cosa fare per Halloween e Ognissanti nelle Marche

Halloween a Corinaldo

Il Ponte dei Santi coincide con la fine di ottobre (31 Ottobre Halloween) e l’inizio del mese di novembre, un periodo in cui la stagione autunnale ha già fatto capolino e le giornate si sono accorciate.
Nonostante le condizioni climatiche non siano proprio al massimo ciò non significa che non si possa organizzare qualche giorno fuori casa.
Ecco allora delle idee per questo periodo in qualche località delle Marche, dove è possibile visitare musei, mostre, borghi e cercare una delle stante sagre enogastronomiche che la caratterizzano.
Questo è il periodo delle castagne e sono molti i borghi ad organizzare castagnate in piazza con tanto di vino cotto e delizie varie.
I musei e le mostre da visitare non mancano, come ad esempio il curioso museo dei martelli a Sarnano, il museo delle ceramiche a San Nicola di Tolentino, il museo dell’umorismo nell’arte sempre a Tolentino, il museo delle carrozze a Macerata, quello delle etichette del vino a Cupramontana e tantissimi altri.
Le mostre sono anch’esse numerose e variano di periodo in periodo.

Inoltre segnaliamo la festa di Halloween a Corinaldo, in provincia di Ancona, dove un intero borgo si trasforma divenendo la capitale della festa dell’orrore americana. Le occasioni di svago e le idee per il 1 novembre non mancano, vi aspettiamo quindi nelle Marche per un piacevole ponte dei Santi.